La storia

«NON VEDEVO ALTRO CHE AMORE»

simple essay writing http://www.belitec.ca/topics-for-creative-writing-for-grade-5/ write an essay on my room help on dissertation james bond http://www.farringdongroup.com/?how-to-write-a-masters-thesis-in-psychology - Professionally crafted and custom academic writings. experienced scholars working in the company will accomplish your L’esperienza eucaristica di Santa Maria De Mattias

Finding the best book source site for your report assignment is the best way to be successful. Buy a book report online today and save more. Quando Maria De Mattias nel 1834 fondò una nuova congregazione femminile nella Chiesa, volle denominarla “Istituto delle Adoratrici del Divin Sangue”.
«Il nome che noi abbiamo -ella puntualizzò nella prima Regola- ci ricorda che dobbiamo essere pronte di dare anche la vita perché da tutti sia adorato, e benedetto questo Sangue Divino, e che ognuno se ne approfitti a propria salvezza» .
Con questa affermazione la pioniera delle Adoratrici introduce la realtà dell’adorazione sull’aspetto peculiare del Sangue di Cristo, attingendo dalla spiritualità di Gaspare del Bufalo. La spiritualità del mistero redentivo invita alla contemplazione e adorazione di Cristo che offre la vita fino allo spargimento totale del sangue, espressione suprema dell’amore di Dio per l’umanità, mistero racchiuso nella realtà dell’Eucaristia. Il sangue versato da Gesù sulla croce è infatti lo stesso sangue che si fa presenza adorabile nella Eucarestia: corpo e sangue del Redentore.
Promuovere l’adorazione al sangue di Cristo è stata sempre una normativa per le Adoratrici, alle quali era chiesto non solo di avere «sommamente a cuore la divozione al prezzo inestimabile di nostra salute, il Sangue preziosissimo di Gesù Cristo» ma di procurare «di accendere in altri l’amore, la tenerezza, l’affetto, la riconoscenza per sì inestimabile tesoro».
Fu introdotta a questo scopo “l’ora di adorazione al prezioso Sangue”. Una prassi che si può dire nata con la Congregazione, come registra la stessa Fondatrice , e che era allargata alle laiche, chiamate “Adoratrici in Auxilium”.
Le “ore di adorazione” occupavano tutta la giornata, fino a tarda sera ed erano molto frequentate. La pratica era incoraggiata in tutti i paesi in cui operavano le Adoratrici, consigliata nelle occasioni di solennità particolari, con suggerimenti pratici e intenzioni di preghiera.
Era anche un dovere per le Adoratrici assistere ogni giorno al Sacrificio eucaristico, «nulla essendovi in terra che sia di maggior gloria di Dio, né, orazione, né atto di culto più potente ed efficace per impetrare le grazie ed attirare sopra di noi le misericordie di Dio».

Buy http://www.motoscarlos.es/?have-somebody-submited-a-paper-from-a-writing-service online at CheapPaperWriters.com. Our professional writers are ready to help you with any kind of custom essay. Per Maria De Mattias l’Eucarestia non fu solo devozione, ma una esperienza di vita. Molte delle sue lettere, soprattutto quelle scritte al suo direttore don Giovanni Merlini, ne offrono esauriente conferma.
Riporto dal suo carteggio uno stralcio che mi sembra particolarmente significativo.
In esso la scrivente racconta una esperienza che si è verificata durante la celebrazione eucaristica: «In questa mattina dal principio della Messa fino alla Consumazione non so spiegare cosa mi è successo: in specie dopo la consacrazione, il cuore preso da una forza se ne è andato sull’Altare, il mio essere si era sperduto e non vedevo altro che amore».
«Il mio essere si era sperduto e non vedevo altro che amore»: che cosa è questa immersione totale nell’amore se non l’esperienza di Dio? È una assimilazione, una trasformazione della sua anima e dei suoi sentimenti nell’anima e nei sentimenti di Dio, che l’avvolge e la penetra, fino a renderla una cosa con lui. Come un pezzo di carbone nel fuoco, una manciata di sale nell’acqua. Esperienza che la conduce gradualmente alla trasformazione in lui. Sensazione straordinaria che la riempie di soavità perché proprio lì, nel totale disciogliersi di sé, nelle profondità del suo essere si sente raggiunta dalla presenza divina: «nel profondo del mio niente avrò tutto in Gesù».
L’esperienza non è isolata. È ribadita in altre lettere, con intensità incalzante e sempre nel contesto della Eucarestia: dopo la Comunione, durante la celebrazione eucaristica o mentre è in adorazione davanti al Santissimo Sacramento.

Read and Download follow url Answers Free Ebooks in PDF format - PEARSON SUCCESSNET ANSWER SHEET ALGEBRA 2 PRENTICE HALL CONCEPTUAL PHYSICS ANSWERS Contemplare e vivere l’Eucarestia significò anche per Maria De Mattias crescere nella dimensione della carità per il prossimo, pronta a dare la vita se necessario.
Nel brano seguente si evidenzia il passaggio dall’esperienza di amore personale per Dio all’amore per gli altri: «L’intelletto va discorrendo su tali cose che non può comprendere, il cuore è portato via dilatandosi in quell’Essere di bontà, e di amore, che se non avesse un tal sfogo schiatterebbe per desiderio di amarlo, e di vederlo amato. Dopo tale avvenimento resta l’anima fortificata a patire, e parlare di Dio, compatendo ed amando il caro prossimo e in ispecie le sue figliuole, e le fanciulle, col desiderio di vederle immerse in quell’Essere di amore, ed occupate nel propagarne le glorie».
Inusuale e profondamente ricco di significato l’uso del sostantivo “avvenimento” per definire la sua esperienza di adorazione eucaristica. La sente cioè come una realtà che si realizza, non come una sensazione superficiale. Qualcosa è successo, un fatto si è verificato.
Questo «avvenimento» le conferisce, in una situazione permanente e non passeggera, una attitudine nuova che aderisce alla sua «anima» trasformandola. La rende cioè «fortificata a patire». Patire significò per Maria De Mattias portare su di sé, con forza nuova, le sofferenze di ogni giorno, a motivo del suo ruolo, della malattia, della povertà, dei fraintesi, dei suoi peccati e del peccato dell’umanità, dell’impotenza a rispondere ai bisogni emergenti, della calunnia, della morte di tante giovani consorelle, della fatica nel discernimento, dei viaggi, dei dubbi, delle paure…
E le conferisce l’attitudine a «parlare di Dio». Non si spiegherebbe altrimenti la forza della sua predicazione, continua, assillante, prolungata, ostacolata da una parte, e fortemente richiesta dalla folla. E non se ne conoscerebbe la sorgente dalla quale, donna autodidatta, attingeva il ricco e incontestabile contenuto.
Dall’Eucarestia attinge anche compassione e amore per il «caro prossimo». Frequente nel suo carteggio il tema della compassione per l’uomo, che nasce dalla passione per Dio. Il binomio caro e prossimo, è usuale nel suo linguaggio. Fa pensare alla carità incarnata: l’amore che aveva visto e nel quale si era trovata immersa, si è trasfuso in lei, è diventato operante. Caro vuol dire amato, ma significa anche costoso: un amore che fa spendere tempo, energie, denaro, salute, la vita se è necessario…
Qui si innestano e si intrecciano le testimonianze che offrono i suoi contemporanei: «Aiutava il prossimo come poteva con danaro, con biancheria… e benché il monastero ove risiedeva la Serva di Dio sempre si trovasse in penuria, pure i poveri che bussavano alla porta, ed erano molti, non erano discacciati o rimandati senza qualche carità» . Non parole o concetti sulla carità, ma episodi, che dipingono una donna piena di attenzione e compassione per i disagi degli altri. Piccole cose, come le scarpe che si sfila dai piedi per donarle a una mendicante, una coperta tagliata a metà per condividerla con una suora… Episodi spontanei, imprevedibili, esempi di una carità attenta e solidale, concreta, ricca di cuore. Quel gesto di tenerezza nel dividere la coperta, fu un abbraccio caldo per il cuore della sorella infreddolita, e certamente la riscaldò più di quello scampolo di coperta.
Ma la carità per eccellenza che la spingeva a prediligere i poveri, a evangelizzarli, a istruirli, a inventare ministeri nuovi, a trasgredire severi leggi ecclesiastiche e civili, a parlare, a viaggiare, a scrivere, a predicare… si espresse come risposta ai bisogni più profondi della donna e dell’uomo del suo tempo: la sete di Dio.
Il «prossimo» oggetto della carità di Maria non è un prossimo lontano, ipotetico, generico. È quello che le vive accanto: «le sue figliole» tra le quali vi erano alcune naturalmente amabili, ma anche altre con un «naturale» difficile, che la percossero e la calunniarono; e le «fanciulle», certamente non quelle linde e aristocratiche ritratte nella iconografia, ma ragazzine rustiche, poco allenate all’apprendimento, abituate alla vita dei campi o ai lavori domestici, spesso litigiose e chiassose come tutti i bambini del mondo.
Un prossimo che desiderava vedere «immerso in Dio», conosciuto con esperienza di amore, perché questo considerava il bene maggiore da augurare all’umanità.
E questo fu sempre lo scopo che orientò tutta la vita di Maria De Mattias, modellata su quella di Cristo Gesù. Vita donata in pienezza per ogni persona, con la passione per Dio e la compassione per l’umanità.

Order Today any paper! At Essay typer http://alvarols.com/international-marketing-homework-help/ Simply fill in the order form with all the required information

Resume Writing Services Vermont - Writing a custom dissertation is go through a lot of steps Leave your assignments to the most talented writers. select the  

Loaded with tons of assignments? http://logotify.com/space-exploration-essay/ and forget about chronic headaches and constant worries! With our writing help you can finally get a much

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.  Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.  Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.  Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.  Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.  Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.  Privay Policy

Statistica

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi

Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.  Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.  Luogo del trattamento: USA  Privay Policy

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è Suore Adoratrici del Sangue di Cristo - Regione Italia, Via San Giovanni in Laterano, 7